Monthly Archives: maggio 2014


Incontro tra Bray e ManifestoCultura a Roma e quel NOI che ci motiva

Si è svolto a Roma martedì 29 aprile l’atteso incontro tra ManifestoCultura e Massimo Bray. L’appuntamento è stato richiesto dal Consiglio Nazionale del Manifesto per stringere legami più stretti con Bray e il suo staff e programmare strategie comuni e azioni concrete per i prossimi mesi. L’incontro, avvenuto in un clima amichevole e di stima reciproca, è iniziato attraverso la concessione di omaggi (due libri) che MC ha voluto fare all’ex Ministro della Cultura in segno di riconoscimento sia per l’attenzione mostrata nell’ultimo anno, sia per ringraziarlo dell’opportunità del meeting romano.

All’incontro hanno partecipato Laura Tolomei, coordinatrice del ManifestoCultura e Maria Giovanna Romano costituente e consigliera del ManifestoCultura. Ha invece fatto gli onori di casa, oltre a Massimo Bray, anche Giovanni De Stefano. Il colloquio, durato circa 50 minuti, ha toccato vari punti e ha fatto emergere la comune volontà di continuare un percorso iniziato a giugno dello scorso anno ma che ora potrebbe avere sbocchi più concreti e meno “virtuali”. Il ManifestoCultura in effetti nasce dall’unione, dapprima virtuale e poi reale, di più realtà (singoli e non) disseminate nel territorio e ora cerca una “fase 2″, fatta di azioni tese a rafforzare il concetto del “fare” e dell’agire, in nome di una maggiore consapevolezza che l’Italia, il cittadino e tutte le realtà culturali, devono avere per valorizzare il proprio patrimonio artistico e culturale partendo da piccoli gesti, dalle periferie, da pezzi di patrimonio spesso dimenticati o ignorati e soprattutto dai più piccoli.

Quindi Bray ha innanzitutto mostrato grande interesse verso il “brand” ManifestoCultura e ha espresso l’intenzione di non lasciare questo “marchio” da solo, ma ha cercato e cercherà di legarlo a fatti concreti e soprattutto includerlo in un discorso di pluralità e di coralità dove non c’è più un soggetto autonomo che organizza e si evolve, ma un gruppo più o meno coordinato, che costituisce un “NOI” che include anche Massimo Bray oltre a tutti gli altri soggetti. Insomma, l’intenzione è legare tutte le realtà, piccole e meno piccole, che negli ultimi mesi si sono affacciate nel mondo dei social network con finalità culturali, lasciandole comunque crescere in autonomia, ma legandole ad un progetto di più largo respiro.

Nell’incontro si è parlato di riqualificazione delle periferie e delle aree urbane, di street art, di piccolo patrimonio artistico da proteggere e valorizzare, di coscienza culturale che deve partire dalle scuole e dai più piccoli, ma anche di tanto altro. Bray ha dimostrato di continuare ad essere “sul pezzo” (e su questo non vi erano dubbi) seguendo personalmente la crescita e lo sviluppo di realtà come ManifestoCultura, StoriaMerdiana, InvasioniDigitali, PompeiMia, StopBiocidio Caserta, i gruppi Igers d’Italia, MonumentiAperti in Sardegna, i Precari Cultura e le tante realtà culturali sparse nel territorio, dai poli archeologici e museali fino alle biblioteche di periferia,  nate anche grazie alla sua azione e vitalità, sia da Ministro della Cultura che da parlamentare, cittadino e professionista della cultura attento ai suoi temi.

Ci si è infine dati appuntamento ad una data futura per incontrarsi nuovamente, magari in un numero più ampio di partecipanti e possibilmente portare qualche azione concreta sul piatto.

Vito Telesca

ManifestoCultura

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione - senza modificare le impostazioni del browser - accetti di ricevere i cookie. Modifica le impostazioni del tuo browser, ma sappi che alcuni servizi potrebbero non funzionare correttamente. maggiori informazioni

Cookie Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie sul sito www.manifestocultura.it ai sensi del Provvedimento n. 229 dell’8 maggio 2014 del Garante per la protezione dei dati personali. Cosa sono i cookie? Di seguito la definizione contenuta nel punto 1 della premessa al Provvedimento del Garante di cui sopra: Considerazioni preliminari. I cookie sono stringhe di testo di piccole dimensioni che i siti visitati dall’utente inviano al suo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Nel corso della navigazione su un sito, l’utente può ricevere sul suo terminale anche cookie che vengono inviati da siti o da web server diversi (c.d. “terze parti”), sui quali possono risiedere alcuni elementi (quali, ad esempio, immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine di altri domini) presenti sul sito che lo stesso sta visitando. Cookie tecnici. I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice, che il gestore del sito potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee. I cookie servono a migliorare i servizi che ti offriamo, ad esempio: consentono a un servizio di riconoscere il tuo dispositivo, per evitarti di inserire più volte le stesse informazioni nel corso di un'attività calcolano quanti utenti stanno usando i servizi, in modo da agevolarne l'utilizzo e assicurare la capacità necessaria a una navigazione veloce. Il sito utilizza anche cookie di terze parti (Twitter, Facebook). Manifesto Cultura non ha accesso ai dati raccolti e trattati in piena autonomia da Twitter o Facebook. Per maggiori informazioni sulle logiche e le modalità di trattamento dei dati raccolti da Twitter, gli utenti sono invitati a leggere le note informative sulla privacy fornite dal soggetto che fornisce i servizi in questione: http://twitter.com/privacy oppure nell'apposito spazio dedicato da Facebook (da proprio account). Se non ci autorizzi a usare i cookie, determinate funzioni e pagine non possono funzionare come previsto. Se desideri eliminare i file cookie eventualmente già presenti sul tuo computer, leggi le istruzioni del tuo browser cliccando sulla voce “Aiuto” del relativo menu.

Chiudi